FANDOM


Ammazzavampiri
Fright Night
Una scena del film
Titolo originale: Fright Night
Lingua originale: Inglese
Paese: Flag of the United States Stati Uniti d'America
Anno: 1985
Durata: 106 min
Colore: Colore
Audio: Sonoro
Rapporto: 2.35 : 1
Genere: Horror
Regia: Tom Holland
Soggetto:
Sceneggiatura: Tom Holland
Produttore: Herb Jaffe
Produttore esecutivo:
Produttore associato: Jerry A. Baerwitz
Coproduttore:
Coproduttoreesecutivo:
Coproduttoreassociato:
Assistente produttore:
Produttore 3D:
Casa di produzione: Columbia Pictures, Vistar Films e Columbia--Delphi IV Productions
Distribuzione (Italia):
Storyboard: {{{storyboard}}}
Art director: {{{artdirector}}}
Character design: {{{characterdesign}}}
Mecha design: {{{mechadesign}}}
Animatori: {{{animatore}}}
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali:
Doppiatori italiani:
Episodi:
Fotografia: Jan Kiesser
Montaggio: Kent Beyda
Effetti speciali: Dr. Morton K. Greenspoon, Albert Lannutti, Michael Lantieri, Dean W. Miller, Thaine Morris, Clayton Pinney, Darrell Pritchett, Johan Klingler (non accreditato) e Larry Odien (non accreditato)
Musiche: Brad Fiedel
Tema musicale: {{{temamusicale}}}
Scenografia: John De Cuir Jr.
Dialoghi:
Costumi: Robert Fletcher
Trucco: Ken Diaz, Marina Pedraza, Rick Stratton, Dale Brady (non accreditato) e Bill Sturgeon (non accreditato)
Sfondi:
Premi:
Prequel:
Sequel:
Si invita a seguire le linee guida del Progetto Film




Ammazzavampiri è un film del 1985 diretto da Tom Holland.

Trama Modifica

Charley Brewster è un teenager appassionato di film horror sui vampiri. Una notte mentre è in camera sua in compagnia della sua ragazza Amy, nota dalla finestra il nuovo vicino di casa Jerry Dandridge, accompagnato da un altro uomo di nome Billy Cole che insieme trasportano una bara. Charley immediatamente comincia a indagare iniziando a spiare dalla finestra della sua camera il singolare vicino di casa, cominciando a sospettare che Dandrige sia in realtà un vampiro. L'arrivo dei due nuovi vicini coincide nei giorni seguenti infatti con ritrovamenti sospetti di corpi di giovani donne. Una sera Charley nota, dalla finestra di casa sua, Jerry accarezzare il corpo di una giovane ragazza che finirà poi uccisa dal morso di quello che si rivelerà essere un terribile vampiro dall'aspetto molto sensuale.

Una volta rivelati i suoi sospetti Charley non trova l'appoggio né di sua madre né tantomeno dei suoi amici Ed Thompson e Amy. Charlie prova a contattare la polizia ma dopo un breve e superficiale controllo fatto da un agente nella casa del vampiro anche questi non crede alla denuncia fatta dal ragazzo e lo prende per un visionario. A questo punto a Charley non rimane che fare totale affidamento sul suo attore-mito Peter Vincent, un attore di telefilm horror in declino che conduce un programma televisivo intitolato "Ore d'orrore" (in inglese il programma si chiama Fright Night come il titolo originale del film), nel quale interpreta il ruolo di cacciatore di vampiri. Quando Charley va da lui neanche Vincent gli crede e si rifiuta di aiutarlo prendendolo per pazzo.

Al suo ritorno a casa Charley trova Jerry Dandridge che conversa in salotto con sua madre: il ragazzo viene subito colto dal panico in quanto, come raccontatogli poco prima da Ed, un vampiro può entrare in una casa solo se è invitato dal proprietario (quindi ora che la madre lo ha invitato a visitare la casa ogni volta che vorrà nulla lo potrà più fermare). La notte stessa il vampiro fa visita a Charley in camera sua, ma il ragazzo riesce a difendersi ferendolo alla mano con una matita; le urla del vampiro svegliano la madre di Charley e il vampiro decide di lasciar perdere il ragazzo. Ed e Amy, preoccupati dallo stato psicofisico del loro amico, si rivolgono personalmente a Peter Vincent che questa volta si lascia "convincere" (dietro compenso economico) ad aiutare Charley. Il piano del gruppo è semplice: provare agli occhi di Charley che Jerry non è un vampiro; organizzano così un incontro a casa di Dandridge, facendogli bere della finta acqua santa. Charley assiste senza troppa convinzione alla "bevuta" e accetta, seppur controvoglia, l'invito ad andarsene e a non importunare più il vampiro.

Mentre i ragazzi vanno via però Peter Vincent, aprendo un portasigarette con uno specchio, scopre che l'immagine di Jerry non viene riflessa. Per la paura il portasigarette gli sfugge dalle mani e va in frantumi cadendo a terra. Peter lo raccoglie ma per la fretta lascia sul pavimento un piccolo frammento. Fuori dalla casa Charley vedendo turbato Peter gli chiede spiegazioni; l'uomo, spaventato, ammette che Jerry Dandridge è un vampiro e scappa in auto. Nel frattempo Dandridge si accorge del frammento di specchio e intuisce che Peter è venuto a conoscenza della sua vera natura. Mentre Charley accompagna Amy a casa, Ed si allontana da loro per prendere una scorciatoia in un vicolo, ma li c'è il vampiro in agguato che aggredisce Ed, "vampirizzandolo". Quest'ultimo si reca a casa di Peter Vincent per ucciderlo ma questi riesce a scacciarlo con l'uso di una croce lasciando Ed con una vistosa bruciatura sulla fronte. Mentre Jerry insegue Charley e Amy questi si accorgono di lui e cercano rifugio in una discoteca: qui il vampiro però riesce a ipnotizzare Amy e dopo aver massacrato due uomini della security approfitta della confusione e del panico che si crea per portare via la ragazza. Scopriamo così la somiglianza tra Amy e una donna ritratta in un quadro in possesso del Vampiro. La porta nella sua dimora e la morde per trasformarla nella sua compagna.

Charley si reca a casa di Vincent e insieme decidono di andare a liberare Amy; arrivati in loco i due entrano in casa di Dandridge ma grazie all'aiuto di Billy Cole, Peter fugge e va a casa di Charley per avvisarne la madre. Charley invece viene catturato e messo in una camera con Amy vampirizzata. A casa Brewster la madre di Charley non c'è ma Peter vi trova Ed che trasformandosi in lupo cerca di ucciderlo. L'attore però riesce a impalarlo con un piede di mobile rotto. Mentre Jerry Dandrige e Billy Cole sono in cantina per preparare una bara per Amy, Peter entra in casa del vampiro e libera Charley, ma scoperti affrontano di nuovo il vampiro e il suo servitore, Jerry, fugge alla vista della croce. Notando che la croce non sortisce alcun effetto su Billy Cole, Peter gli spara; dopo il primo colpo però, Cole si rianima, così con gli altri cinque finché Charley non lo impala uccidendolo e scoprendo che nemmeno Cole era umano.

Dandrige li affronta ma è l'alba e trasformandosi in un enorme pipistrello fugge in cantina chiamando a sé Amy. Il duo lo segue e mentre Peter cerca di impalare il vampiro che dorme nella sua bara, Amy interviene e Jerry si sveglia. Inizia la lotta ma scopriamo che la cantina è circondata da finestre oscurate facili da rompere. Così Charley inizia rompere i vetri lanciando oggetti fino a costringere Jerry Dandrige spalle al muro, che si rivela una finestra coperta, il giovane ammazzavampiri riesce a scoprirla e, inondando di luce il vampiro, lo distrugge. Con la morte di Dandrige, Amy torna umana. Di sera Charley e Amy stanno a letto insieme a guardare Peter alla televisione. Mentre chiude la finestra della camera, Charley scorge due occhi rossi nella casa del vampiro, ma poi torna a letto su richiesta di Amy. Il film si chiude con gli occhi rossi che riappaiono nel buio della casa di Dandrige e si sente la voce di Ed che ride e dice: «L'amore fa buon sangue, Brewster!»

ProduzioneModifica

SviluppoModifica

Mentre stava scrivendo uno script per La finestra sul delitto,[1] Tom Holland concepì l'idea di un film dove un appassionato di film horror si convinceva che il suo vicino di casa sia un vampiro, ma inizialmente pensò che questa premessa non fosse sufficiente a sostenere una storia.[2] La storia continuò a ronzargli nella sua mente per un anno ed infine un giorno ne discusse con John Byers e poi con capo del dipartimento di storia alla Columbia Pictures.[1]

Holland scrisse il film deciso anche a dirigerlo perché era rimasto molto amareggiato del risultato finale del film La casa in Hell Street tratto da una sua sceneggiatura.,[2][3][4]

CastingModifica

Il personaggio di Peter Vincent venne così chiamato in onore di due grandi attori del cinema horror, Peter Cushing e Vincent Price. Holland scrisse la parte appositamente per Price,[1][3] il quale aveva da tempo smesso di accettare ruoli in film horror.[5] Guy McElwaine suggerì per il ruolo l'attore Roddy McDowall.[6] McDowall aveva già recitato con Holland nel film Class of 1984, così Holland accolse bene il suggerimento. McDowall fu particolarmente interessato alla genesi del personaggio e si disse interessato al ruolo perché non aveva mai interpretato un personaggio anziano.[7] Holland e McDowall divennero grandi amici e McDowall infine invitò Holland a cena dove gli fece conoscere Vincent Price, che si rivelò lusingato cheil personaggio fosse un omaggio a lui e che commentato il film definendolo meraviglioso.[1]

L'agente di Chris Sarandon gli diede una copia della sceneggiatura e benché inizialmente contrario a recitare in un film horror, l'attore rimase affascinato dalla sceneggiatura che definì la migliore che avesse mai letto.


Circa la parte di Amy Peterson, Holland ebbe a dire "Non c'era nessuna ragazza perfetta per il ruolo fino a quando non comparve Amanda Bearse".[8]

Pre-produzioneModifica

Una volta trovato il cast del film, Holland ricevette suggerimenti da ciascun attore su eventuali modifiche della sceneggiatura. Il finale originale del film, che prevedeva la trasformazione di Peter Vincent in vampiro, venne modificato.[9]

RipreseModifica

Le riprese iniziarono il 3 dicembre 1984 e terminarono il 23 febbraio 1985. All'epoca della sua produzione, Ammazzavampiri era la pellicola a più basso budget della Columbia e la stessa casa di produzione non riponeva nel film grandi aspettative di successo.[1]

DistribuzioneModifica

Box officeModifica

Ammazzavampiri incassò 6.118.543 dollari nel solo weekend di uscita ed in totale incassò nei soli Stati Uniti 24.922.237 dollari diventanto il film horror ad aver incassato di più nell'estate del 1985[10] e piazzandosi al secondo posto dei film horror ad aver incassato di più nel 1985, sorpassato solo da A Nightmare on Elm Street 2: Freddy's Revenge.

AccoglienzaModifica

Il film ha ricevuto una percentuale del 91% su Rotten Tomatoes. Il sito definisce il film una combinazione di emozioni ed umorismo nel racconto spettrale di un uomo che vive vicino ad un vampiro.[11] Roger Ebert ha dato al film tre stelle e lo ha definito ""non è un film distinto, ma molto divertente".[12]

SequelModifica

Exquisite-kfind Per approfondire, vedi la voce Ammazzavampiri 2.

Dopo il successo finanziario e della critica di Ammazzavampiri, il produttore Herb Jaffe ha mantenuto i diritti cinematografici dei personaggi e fece pressioni affinché fosse realizzato un sequel.[13] Anche se era infelice che il bilancio fosse stato drasticamente ridotto, Holland si dimostrò interessato ma lui e Sarandon erano entrambi impegnati sul set del film La bambola assassina. Stephen Geoffreys avrebbe dovuto riprendere il ruolo di Evil Ed, ma a lui non piaceva la sceneggiatura e quando gli venne offerto un ruolo in 976-EVIL accettò anzi quello.[14][15] Bearse lesse la sceneggiatura ma era impegnata sul set della serie Married... with Children e non potè riprendere il ruolo di Amy. Alla fine solo Ragsdale e McDowall tornarono ad interpretare i ruoli del film originale.[16]

Terzo film mai realizzatoModifica

McDowall avrebbe voluto interpretare Peter Vincent ancora una volta ciretto da Holland così organizzò un incontro tra lui e Holland e Jose Menendez della Carolco Pictures[17] per discutere sulla realizzazione di Fright Night Part 3.[13] Sfortunatamente, prima che l'incontro avesse luogo, Menendez e la moglie vennero uccisi dai loro figli, Lyle e Erik.

AdattamentiModifica

FumettiModifica

Tra il 1988 e il 1993 la NOW Comics pubblicò 27 fumetti tratti dal film. Il film originale venne adattato nei primi due fumetti della serie mentre i restanti narrano avventure inedite di Peter Vincent e Charley Brewster.

NovelizationModifica

Tor Books pubblicò nel 1985 una novelization, Fright Night, scritta da Craig Spector e John Skipp.[18]

VideogiocoModifica

Un videogioco per computer venne realizzato dalla Microdeal nel 1988 per i computers Amiga.

RemakesModifica

Nel 1989 venne fatto un remake non ufficiale del film col film indiano Amavasai Iravil.[19][20][21] Ambientato sotto Natale, questo remake copia il film originale ma presenta sostanziali modifiche: Peter Vincent viene qui trasformato in un prete, sono stati aggiunti dei personaggi e nuove scene nonché numeri musicali in stile Bollywood.

Nel 2011 è stato realizzato un remake statunitense intitolato Fright Night - Il vampiro della porta accanto e prodotto dalla DreamWorks.

Nel 2013 è stato realizzato il film Fright Night 2 - Sangue Fresco, il quale ignora gli eventi del remake del 2011 e trae ispirazione sia dal film originale sia dal suo sequel, Ammazzavampiri 2.

NoteModifica

  1. 1,0 1,1 1,2 1,3 1,4 Tim Sullivan's Shock N Roll Issue 2: Mr. Holland's Opus. iconsoffright.com. URL consultato in data 2014-09-13.
  2. 2,0 2,1 Choice Cuts: Tom Holland's Fright Night Tour. youtube.com, 9 agosto 2008. URL consultato in data 13 settembre 2014.
  3. 3,0 3,1 Pirate Commentaries. Settembre 2008. URL consultato in data 13 settembre 2014.
  4. Fright Night Exclusive Interview. iconsoffright.com, 8 marzo 2008. URL consultato in data 13 settembre 2014.
  5. Template:Cite video
  6. Fright Night (1985) Trivia. imdb.com. URL consultato in data 13 settembre 2014.
  7. Paul Davids (October 1985). There Are Vampires Lurking in the Shadows Waiting for Roddy McDowall in Fright Night. Monster Land (New Media Publishing, Inc.) (5): 31–35, 39–42.
  8. Errore nella funzione Cite: Marcatore <ref> non valido; non è stato indicato alcun testo per il marcatore DreadCentral1
  9. Fright Night (1985) Original Ending - Script Excerpt. photobucket.com. URL consultato in data September 13, 2014.
  10. Fright Night (1985). Boxofficemojo.com, 1985-09-17
  11. Fright Night. Flixster. URL consultato in data January 23, 2015.
  12. Roger Ebert. «». Chicago Sun-Times. URL consultato in data 2016-01-16.
  13. 13,0 13,1
  14. Maslin, Janet, "Screen: Fright Night Vampire Tale," New York Times (August 2, 1985)
  15. The Action Elite - Amavasai Iravil 1989 review
  16. Fright Night Movie Connections - imdb
  17. Amavasai Iravil - You Tube

Locandina Modifica

Locandina originale Locandina italiana
Fright Night Ammazzavampiri

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale