FANDOM


Desyat negrityat
Desjat' negritjat.png
Una scena del film
Titolo originale: Десять негритят
(Desyat negrityat)
Lingua originale: Russo
Paese: bandiera Unione Sovietica
Anno: 1987
Durata: 137 min
Colore: Colore
Audio: Sonoro
Rapporto: 1.33 : 1
Genere: Thriller
Regia: Stanislav Govorukhin
Soggetto: Agatha Christie
Sceneggiatura: Stanislav Govorukhin
Produttore:
Produttore esecutivo:
Produttore associato:
Coproduttore:
Coproduttoreesecutivo: {{{coproduttoreesecutivo}}}
Coproduttoreassociato: {{{coproduttoreassociato}}}
Assistente produttore: {{{assistenteproduttore}}}
Produttore 3D: {{{3Dproduttore}}}
Casa di produzione: Odessa Film Studios
Distribuzione (Italia): {{{distribuzioneitalia}}}
Storyboard: {{{storyboard}}}
Art director: {{{artdirector}}}
Character design: {{{characterdesign}}}
Mecha design: {{{mechadesign}}}
Animatori: {{{animatore}}}
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali:
Doppiatori italiani:
Episodi:
Fotografia: Gennadi Engstrem
Montaggio: Valentina Olejnik
Effetti speciali: G. Lotysh, S. Lylov e A. Vidyakin
Musiche: Nikolai Korndorf
Tema musicale:
Scenografia: Valentin Gidulyanov
Dialoghi:
Costumi: Natalya Kharnas
Trucco: Nina Amelina e Raisa Molchanova
Sfondi:
Premi:
Prequel:
Sequel:
Si invita a seguire le linee guida del Progetto Film




Desyat negrityat è un film del 1987 diretto da Stanislav Govoruchin.

Si tratta della più fedele trasposizione del romanzo di Agatha Christie Dieci piccoli indiani perché, a differenza degli altri film tratti dal romanzo, questo è l'unico film che oltre a ricalcare fedelmente la trama originale del romanzo ne mantiene il finale.

Trama Modifica

Dieci persone di varie classi sociali sono invitate a soggiornare su di una piccola isola presso le coste del Devon, in Inghilterra. Il luogo presenta una morfologia brulla, con [[Scoglierascogliere che cadono a picco sul mare, che lo rendono molto tetro.

Non appena gli ospiti si siedono per consumare la cena, il maggiordomo, seguendo gli ordini che il padrone gli mandava per posta, mette su di un grammofono un disco che accusa tutte le varie persone di essere degli assassini, domestici compresi. Sconcertati dall'accaduto, i protagonisti della vicenda iniziano a svolgere delle indagini che li portano ben presto alla conclusione che il misterioso Mr. Owen, colui che li aveva invitati, sia un personaggio inventato. Poco dopo, però, il giovane Antony Marston muore avvelenato sotto gli occhi dei presenti, che iniziano a pensare che in realtà Owen sia un assassino nascosto sull'isola. Iniziano così, nei giorni successivi, varie ricerche senza frutto, che li portano a credere che in realtà Owen sia uno di loro. Negli altri giorni i vari ospiti inizieranno a morire lentamente, secondo la falsariga di una filastrocca appesa in ogni camera. Inoltre essi saranno incessantemente perseguitati dai ricordi dei loro rispettivi omicidi.

Alla fine gli unici due superstiti sono la giovane Vera Clythorne e Philip Lombard, quest'ultimo in possesso di una rivoltella. Trovato l'ultimo cadavere, i due si rendono conto di essere essere gli unici ancora vivi sull'isola, così la ragazza astutamente sottrae l'arma al compagno e, credendolo l'assassino, gli spara.

Credendosi finalmente salva, Vera si chiude in camera, dove però trova un cappio appeso al soffitto e, dopo alcuni commoventi ricordi del suo passato, assieme al bambino che lei stessa aveva ucciso, si toglie la vita impiccandosi.

Subito dopo la sua impiccagione si apre la porta della stanza, dalla quale fuoriesce il giudice Wargrave, l'assassino, che dopo aver rivelato i dettagli del suo astuto piano, si suicida sparandosi in testa.

Differenze col romanzo Modifica

  • Nel film non vi è riferimento alcuno al personaggio di Isaac Morris, che nel romanzo fa da tramite del signor Owen nell'acquisto dell'isola, in cui farà anche in modo di portare Lombard e Blore.
  • Nel romanzo, Lombard e Vera Claythorne non consumano un rapporto sessuale, come avviene invece nel film.
  • Nel romanzo, la signorina Brent non è cosciente nel momento in cui le viene somministrata la dose letale di cianuro, poiché l'assassino le aveva precedentemente fatto ingerire del sonnifero, nel film lei è ancora sveglia al momento del suo assassinio e lancia un grido di aiuto.
  • Nel finale del film non viene fatto riferimento né all'indagine di Scotland Yard aperta di seguito alla scoperta degli omicidi, né alla confessione lasciata dall'assassino in una bottiglia gettata in mare.
  • Nel romanzo, Wargrave escogita un metodo di suicidio per confondere ulteriormente le indagini, in modo che lui sembri morto esattamente come descritto negli appunti degli altri ospiti, lasciando alla polizia un mistero quasi irrisolvibile, nel film, invece, si spara subito dopo il suicidio di Vera Claythorne.

Locandina Modifica

Desjat' negritjat.jpg

La locandina originale del film

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale